Salute orale nei pazienti anziani: interesse internazionale
02 Febbraio 2024
paziente anziano effettua visita odontoiatrica
L'importanza della salute orale nei pazienti anziani, una volta relegata principalmente a questioni regionali, sta guadagnando sempre più rilevanza nel contesto internazionale. Questo cambiamento riflette una crescente consapevolezza dell'importanza di preservare una buona salute orale nella terza età e delle implicazioni che questa comporta per il benessere generale dei pazienti anziani.

Fino a pochi anni fa, la cura dentale e la prevenzione delle patologie orali negli anziani erano spesso trascurate o considerate un aspetto marginale della salute complessiva. Tuttavia, la ricerca scientifica ha dimostrato legami tra la salute orale e molte altre condizioni mediche, comprese malattie cardiovascolari, diabete e demenza.

L'inclusione delle patologie orali tra le malattie non trasmissibili (NCDs), dovuta alla condivisione dei fattori di rischio e alle influenze reciproche tra la salute orale e quella sistemica, ha messo in luce la necessità di dedicare particolare attenzione e pianificazione alla salute orale dei pazienti anziani, soprattutto quelli fragili.
 
Questo focus sulla salute orale negli anziani è amplificato da dinamiche demografiche globali: mentre in passato erano soprattutto i paesi dell'Estremo Oriente a registrare un alto numero di cittadini anziani, oggi l'invecchiamento della popolazione è diventato un fenomeno globale. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel 2020 il numero di persone con più di 65 anni ha superato il numero di coloro con meno di 5 anni di età e, entro il 2050, la percentuale di popolazione anziana raddoppierà, passando dall'11% del 2015 al 22%.
È importante notare che anche la distribuzione geografica degli anziani sta cambiando: quasi l'80% dei pazienti anziani, entro il 2050, saranno concentrati nei paesi del secondo e terzo mondo.

Questi cambiamenti demografici ed epidemiologici stanno portando a un dibattito internazionale sulla gestione efficace ed efficiente della salute orale nella popolazione over 65. La comunità medica, i governi e le organizzazioni internazionali stanno cercando di sviluppare strategie e politiche che possano affrontare questa sfida in modo adeguato includendo l'istituzione di programmi di prevenzione, l'accessibilità ai servizi odontoiatrici per gli anziani e l'educazione pubblica sulla salute orale.

In questo quadro è importante sottolineare l'importanza del Piano per la Salute Orale Globale, pubblicato dall'OMS un anno fa. Un progetto ambizioso che mira a garantire l'accesso alle cure odontoiatriche di base per 1 miliardo di persone entro il 2030 e che ha dimostrato la necessità di una riformulazione della programmazione sanitaria globale, introducendo un approccio differenziato in base all'età dei pazienti. 
Il piano dell’OMS è allineato con l'importanza del mantenimento della salute durante l'invecchiamento al centro del progetto "Decade of Healthy Ageing" delle Nazioni Unite.
Anche la Federazione Internazionale dei Dentisti (FDI), che rappresenta oltre 1 milione di professionisti e 191 associazioni associate, ha da tempo riconosciuto l'importanza della salute orale nei pazienti anziani. La commissione dedicata al paziente anziano ha svolto un ruolo attivo nella ricerca e nella promozione di questa tematica, concentrandosi su tre obiettivi principali:

  1. L'inclusione della salute orale come parte integrante della gestione clinica generale per i pazienti anziani, definendo le pratiche da seguire e i percorsi terapeutici appropriati.
  2. L'incoraggiamento alla ricerca e alla raccolta di dati sulla salute orale nei pazienti anziani, al fine di fornire una base solida per lo sviluppo di strategie a livello locale e globale.
  3. La raccolta di informazioni sulla legislazione e sulle iniziative nazionali e internazionali relative alla salute orale dei pazienti anziani, al fine di promuovere politiche migliori e di garantire un adeguato supporto a livello normativo.

In Europa, sono attivi numerosi tavoli tecnici dedicati al tema della salute orale, tra cui: i gruppi Oral Health del CED (Consiglio Europeo dei Dentisti), che si concentrano sulla condivisione dei fattori di rischio e gli aspetti preventivi, nonché il gruppo Oral and General Health di ERO (European Regional Organization), una suddivisione regionale della FDI (Federazione Internazionale dei Dentisti), che si concentra sulle metodologie di integrazione tra salute orale e salute generale dei pazienti.

In particolare, il gruppo ERO Ageing Population svolge un ruolo fondamentale nel guidare la discussione sulla gestione del paziente anziano, riconoscendo le specifiche esigenze di questa fascia di età e promuovendo approcci olistici alla salute. La partecipazione attiva di ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) ai lavori di questi tavoli tecnici dimostra un impegno continuo nel contribuire alla definizione di strategie e politiche a livello europeo per migliorare la salute orale degli anziani.

L'esistenza e l'attività di questi gruppi testimoniano l'importanza di una collaborazione internazionale e interprofessionale nella promozione della salute orale nei pazienti anziani e nell'affrontare le sfide legate all'invecchiamento della popolazione in Europa. Questi sforzi congiunti possono portare a una migliore gestione della salute orale degli anziani e a un miglioramento complessivo della loro qualità di vita.

Particolarmente significativa è l'iniziativa del gruppo ERO Ageing Population di sviluppare un app consultiva per il personale laico assistenziale per la promozione della salute orale degli anziani in Europa. Questa app, disponibile gratuitamente in molte lingue, inclusa l'italiano, è destinata a fornire risorse preziose ad assistenti domiciliari, infermieri e cittadini che si prendono cura dei pazienti anziani non autosufficienti.

L'app è articolata in due componenti principali: una parte divulgativa e una parte pratica. La prima ha l’obiettivo di chiarire le connessioni essenziali tra la salute orale e il benessere generale, con una particolare attenzione alla popolazione over 65 e over 80. La componente pratica dell’app contiene, invece, materiali e informazioni utili a guidare le procedure di igiene orale e il controllo della condizione bucco dentale. 

Occorre evidenziare che questo approccio non cerca di sostituire il check-up professionale, ma piuttosto di affiancarlo, promuovendo una pratica di prevenzione costante, indispensabile per il benessere generale.

Materiale informativo
Non ci sono materiali per questa news.
Video
Non ci sono video per questa news.
Altro da questa azienda
Nessuna informazione.