Infodemia: la soluzione dell’OMS
29 Gennaio 2024
ragazzo e ragazza confusi dalla quantità di informazioni
Infodemia è un concetto emerso durante la crisi del Covid-19, descrivendo una situazione caratterizzata da un eccesso di informazioni, sia accurate che false o ingannevoli, disponibili sia online che offline. Questo fenomeno può rappresentare un rischio significativo per la salute pubblica, in particolare durante le emergenze sanitarie

Durante le emergenze sanitarie, spesso si verifica un sovraccarico di informazioni, rendendo difficile per le persone individuare fonti affidabili e prendere decisioni informate per la propria salute. La pandemia di COVID-19 ha messo in evidenza questo fenomeno, accelerando la diffusione di informazioni fuorvianti o errate.

Affrontare le false informazioni durante un'emergenza è fondamentale perché le persone si trovano a dover gestire incertezze e paure, indipendentemente dalla natura dell’emergenza. In tali momenti critici, è essenziale avere accesso a informazioni e consigli tempestivi, accurati e coerenti per comprendere la situazione e prendere decisioni informate riguardanti i rischi per la salute e le azioni da intraprendere. La presenza di informazioni false o ingannevoli può aumentare la confusione, la paura e l'incertezza, facilitando la diffusione di ulteriori false informazioni.
Secondo un rapporto del World Economic Forum, le informazioni false e manipolate costituiscono uno dei rischi più urgenti a breve termine a livello globale. Le conseguenze delle false informazioni possono essere gravi, portando a morti, sfiducia e divisioni nella società: ad esempio, uno studio ha stimato che circa 17.000 persone potrebbero essere morte dopo aver utilizzato l’idrossiclorochina, un farmaco anti-malaria erroneamente promosso come cura per il Covid-19.

Inoltre, con l'avanzamento dell'intelligenza artificiale, è diventato più facile produrre e diffondere informazioni false. Sebbene in una società libera sia inevitabile la presenza di informazioni false, è possibile limitarne i danni.
Ciò richiede un impegno per fornire informazioni accurate e affidabili in modo tempestivo e appropriato, identificare rapidamente le informazioni false per confutarle, e dotare le persone delle competenze necessarie per discernere tra ciò che è vero e ciò che è falso.
In risposta a questo, l’OMS ha sviluppato un approccio sistematico per la gestione dell'infodemia, pubblicando un toolkit dedicato. Questo approccio si concentra su preparazione, affronto e mitigazione dei rischi legati alle false informazioni e al sovraccarico o alla carenza di informazioni in situazioni di emergenza sanitaria.

L'obiettivo è assicurare che le persone abbiano accesso a informazioni accurate, tempestive e affidabili, fondamentali per la protezione della salute individuale e collettiva.
Il toolkit per la gestione delle informazioni false durante emergenze sanitarie si articola in cinque passaggi chiave, ognuno dei quali contribuisce a un approccio strutturato e efficace.

  • Rilevamento del Segnale: Questo passaggio implica l'identificazione e la comprensione delle narrazioni sanitarie prevalenti, delle domande, delle preoccupazioni e delle lacune informative del pubblico. Si può effettuare attraverso metodi sia online (come il monitoraggio dei social media) che offline (come focus group e coinvolgimento della comunità).
     
  • Verifica del Segnale: Questo passo richiede il controllo dei fatti e l'analisi della credibilità delle fonti di informazione. Include il confronto delle informazioni con altre fonti affidabili per verificare l'accuratezza e la coerenza.
     
  • Valutazione del Rischio: Si valuta l'eventuale danno che le informazioni false potrebbero causare, basandosi su fattori come la credibilità della fonte, la diffusione delle informazioni e l'impatto potenziale sulla salute pubblica.
     
  • Progettazione della Risposta: In questa fase si sviluppa un piano di comunicazione mirato a contrastare le false informazioni e a gestire i rischi correlati. Questo include la definizione di strategie per comunicare efficacemente la verità e contrastare le narrazioni dannose.
     
  • Sensibilizzazione: L'ultimo passaggio consiste nel trasmettere messaggi chiave al pubblico, con l'obiettivo di convincere le persone a adottare comportamenti sanitari appropriati e basati su informazioni accurate.
     

Il toolkit enfatizza l'importanza di utilizzare molteplici fonti di dati per una comprensione accurata delle false narrazioni in circolazione. Inoltre, sottolinea la necessità di collaborazione tra diverse entità come accademici, giornalisti, verificatori di fatti e organizzazioni comunitarie per affrontare efficacemente le sfide poste dalle false informazioni. È essenziale creare piattaforme di collaborazione a vari livelli (regionale, nazionale, locale) per sfruttare risorse e competenze condivise nel gestire questo problema complesso e in continua evoluzione.

Diverse forme di sostegno sono offerte alle parti interessate, specialmente nella Regione Europea. Queste includono: linee guida, strumenti e risorse, come il già citato toolkit; assistenza tecnica per implementare sistemi di ascolto sociale; iniziative per aumentare le competenze di funzionari governativi, partner e attori comunitari; ricerca volta a migliorare la comprensione e l'uso dell'intelligenza artificiale; piattaforme per favorire collaborazioni operative nella gestione dell’infodemia; e la produzione di evidenze e best practice per guidare politiche e pratiche efficaci.

Materiale informativo
Non ci sono materiali per questa news.
Video
Non ci sono video per questa news.
Altro da questa azienda
Nessuna informazione.