User menu

Fase 2 - SIDO: “Così può ricominciare l’assistenza ortodontica”

14 Maggio 2020

Fase 2 - SIDO: “Così può ricominciare l’assistenza ortodontica”

Con la Fase 2 della pandemia gli studi possono riprendere le attività odontoiatriche. Tuttavia i carichi di lavoro, che possono gestire, saranno inevitabilmente ridotti - sostiene il dott. Giuliano Maino, Presidente Nazionale della SIDO - proprio per garantire a tutti la maggiore sicurezza possibile”. Saranno a breve pubblicate le Indicazioni Comportamentali definitive redatte dal Ministero della Salute e da CAO (Commissione Albo Odontoiatri della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri) alla cui stesura ha partecipato anche SIDO.

Grazie a queste nuove norme, bambini e adulti potranno tornare senza problemi nei nostri studi - prosegue Maino - tutti gli operatori sanitari devono dotarsi di dispositivi di sicurezza adeguati come mascherine ad alta protezione, occhiali e camici monouso. Prima dell’ingresso nello studio va eseguito un triage telefonico di controllo. Nella sala d’attesa non possono sostare più di 2 persone alla volta. Va perciò ridotto il flusso di pazienti scaglionando gli accessi allo studio. Infine è necessario aerare regolarmente gli ambienti operativi tra un controllo e l’altro. Si tratta di norme di sicurezza di comprovata efficacia che sono state adottate anche in altri paesi, prima di tutti a Wuhan, luogo dell’inizio della pandemia e già valide anche in paesi europei come Svizzera, Germania e Norvegia”.

Sempre in relazione alla Fase 2 arriva dalla SIDO un appello ai pazienti. “Anche se in questi giorni molti dei nostri studi hanno ripreso a funzionare non siamo ancora in una situazione di normalità - aggiunge il presidente SIDO - gli spostamenti vanno comunque limitati il più possibile. In questo periodo complesso è molto importante che il paziente venga sensibilizzato a prestare la massima attenzione al proprio apparecchio ortodontico e a seguire con cura scrupolosa le indicazioni dell’Ortodontista. Si possono evitare così complicazioni nella terapia e di conseguenza visite non indispensabili presso gli studi”.

La pandemia Covid-19 ha messo duramente alla prova tutte le strutture sanitarie del nostro Paese - conclude Maino - anche gli Ortodontisti hanno ritenuto necessario sospendere integralmente visite e controlli in tutto il territorio nazionale. Per gestire le emergenze abbiamo utilizzato le videochiamate e ci siamo resi sempre disponibili in caso di urgenze. E’ tempo ora di ripartire rispettando le norme di sicurezza e le disposizioni previste dal Governo e dalle Istituzioni locali”.