User menu

Coronavirus: ecco cosa devono fare i laboratori odontotecnici

8 Maggio 2020

Coronavirus: ecco cosa devono fare i laboratori odontotecnici

Come gli studi odontoiatrici anche i laboratori odontotecnici, in questo momento delicato e difficile di ripresa, devono svolgere la propria attività con una cura scrupolosa alle procedure di sanificazione, perché coinvolti nella produzione di manufatti e dispostivi individuali per il paziente dello studio dentistico.

 

Innanzitutto, è bene ricordare che i laboratori applicano normalmente misure per la prevenzione dei rischi biologici derivanti da virus, batteri e altri microrganismi patogeni attraverso la disinfezione di ogni manufatto, nella maggior parte dei casi impronte che provengono dagli studi odontoiatrici, in modo da evitare contaminazioni crociate. Ma il coronavirus impone un’attenzione maggiore nella prassi della disinfezione dei materiali: impronte, cere e/o siliconi occlusali, modelli in gesso, protesi rimovibili, prove metalliche, prove estetiche, eventualmente contaminati che potrebbero entrare nei laboratori odontotecnici.

 

In via precauzionale è opportuno considerare ogni manufatto che è stato a contatto con il paziente come se fosse potenzialmente infetto, di conseguenza è bene assicurarsi che tutto ciò che proviene dalle strutture odontoiatriche sia pulito e disinfettato secondo le Indicazioni operative del Tavolo del Ministero della Salute.

 

Per la massima sicurezza del personale e nella salvaguardia della salute dei pazienti, gli operatori del laboratorio odontotecnico devono procedere come segue:

  • dedicare una zona specifica del laboratorio alla ricezione e trattamento del materiale
  • predisporre l’area di disinfezione separata dal resto del laboratorio
  • indossare dispositivi di protezione individuale monouso:  guanti, camice, mascherina, copricapo e occhiali protettivi
  • fare attenzione a non toccare altre superfici o oggetti con i guanti potenzialmente contaminati
  • ricambiare l’aria con frequenza all’interno del laboratorio
  • lavarsi le mani frequentemente per almeno 20 secondi.

 

Terminata la disinfezione, i manufatti possono essere integrati nel normale circuito di lavoro. Al termine del processo, la zona utilizzata per la disinfezione deve essere sanificata e trattata con prodotti specifici. E’ sempre buona norma, in particolare in questa fase, accertarsi che i disinfettanti utilizzati, perché siano efficaci contro virus e batteri, riportino in etichetta le diciture: Prodotto Biocida - Autorizzazione del Ministero della Salute  o  Autorizzazione UE n. /../.. AUT (ai sensi del Reg. UE n. 528/2012). Oppure: Presidio Medico Chirurgico  Registrazione n… del Ministero della Salute.