Come la BPCO influisce sulla parodontite
07 Febbraio 2024
rappresentazione dei polmoni con uno stetoscopio
Ricerche recenti hanno evidenziato una correlazione significativa tra la malattia parodontale e la progressione della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Tuttavia, le specifiche di come questa relazione influisce sul sistema immunitario non sono ancora del tutto chiare. Un nuovo studio ha indicato che le cellule del sistema immunitario giocano un ruolo cruciale nel legame microbico tra la BPCO e la malattia parodontale.

I ricercatori dell'Università del Sichuan in Cina hanno riferito che i batteri associati alla malattia parodontale possono promuovere la BPCO attivando due tipi di cellule del sistema immunitario: le cellule T gamma-delta (γδ), globuli bianchi in grado di rispondere rapidamente alle cellule infette o cancerose, e i macrofagi M2, globuli bianchi che favoriscono la guarigione delle ferite e riducono l'infiammazione. Concentrarsi su questo specifico meccanismo potrebbe portare a nuovi approcci innovativi per la prevenzione e la gestione della BPCO.

"Nel migliorare la terapia parodontale e nel mirare all'inibizione delle cellule T γδ e dei macrofagi M2, potremmo essere in grado di contribuire al controllo della progressione della BPCO", ha dichiarato in un comunicato stampa il co-autore Boyu Tang, microbiologo presso l'Ospedale di Stomatologia della Cina Occidentale, affiliato all'Università del Sichuan.

La BPCO è una patologia cronica per la quale attualmente non esiste una cura tanto che, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, rappresenta la sesta causa di morte a livello globale. Nei paesi ad alto reddito, il principale fattore di rischio per la BPCO è il fumo di tabacco, mentre nei paesi a basso e medio reddito, svolgono un ruolo significativo come fattori di rischio sia il fumo di tabacco che l'inquinamento atmosferico.

Già precedenti studi hanno evidenziato il ruolo significativo di Porphyromonas gingivalis nella malattia parodontale. Questo studio ha, invece, approfondito come tale batterio potrebbe contribuire all'aggravamento della BPCO. In uno degli esperimenti condotti, i ricercatori hanno infettato topi precedentemente indotti alla BPCO con Porphyromonas gingivalis, riscontrando un progressivo peggioramento della BPCO rispetto ai topi affetti solo dalla patologia polmonare. 
Un altro esperimento ha dimostrato che, quando i topi sono stati esposti a Porphyromonas gingivalis per via orale, i batteri si sono diffusi e hanno infettato il loro tessuto polmonare, determinando una significativa alterazione del microbiota polmonare. Questi risultati hanno evidenziato che la presenza di parodontite ha favorito l'espansione delle cellule immunitarie nel tessuto polmonare.

In un ulteriore esperimento, i ricercatori sono riusciti a dimostrare che Porphyromonas gingivalis potrebbe attivare le cellule immunitarie, potenziandone la capacità di produrre citochine che sono associate al peggioramento della BPCO.

Sono in corso studi futuri su soggetti umani al fine di convalidare i risultati ottenuti. I ricercatori stanno pianificando di reclutare pazienti affetti da BPCO e malattia parodontale, offrendo loro un trattamento per la parodontite. Successivamente, verranno confrontate la funzione polmonare dei partecipanti e la conta delle cellule immunitarie prima e dopo il trattamento.

Per ulteriori informazioni, leggi lo studio completo

Fonte: mSystems

Materiale informativo
Non ci sono materiali per questa news.
Video
Non ci sono video per questa news.
Altro da questa azienda
Nessuna informazione.