User menu

Impianti KI TAPERED RESISTA

15 Novembre 2017

Impianti KI TAPERED RESISTA

Ampiamente dimostrati in letteratura sono i fattori in grado di influenzare negativamente l’osteointegrazione e poiché l’osso ha la capacità di modificare le sue caratteristiche (deposizione e riassorbimento) e di adattarsi in seguito a stimoli meccanici, la geometria dell’impianto e le sue condizioni di carico durante la funzione, possono essere considerati fattori fondamentali per il successo implantare a medio e lungo termine.

La stabilità primaria è influenzata da differenti fattori biomeccanici ed il suo raggiungimento rappresenta tuttora una condizione pressoché indispensabile per garantire il successo.

La geometria e le caratteristiche di superficie degli impianti migliorano il contatto osso-impianto e la stabilità primaria, così come il diametro, la lunghezza, le spire e la forma del collo sono considerati fattori determinanti nel ridurre il valore di stress nell’osso perimplantare (Szucs A, Divinyi T, Lorincz A. Budapest - Fogorv Sz. 2006 Aug;99(4):141-7).

Gli impianti conici con un diametro coronale maggiore rispetto al terzo medio, presentano un riassorbimento osseo coronale in direzione apicale fino alle prime spire perché la corticale ossea non è strutturata per la distribuzione del carico funzionale (Quirynen M, Naert I, Van Steenberghe D. Clin Oral Implants Res 1992;3:104-111).

Infatti, nei denti, il legamento paradontale svolge un’azione ammortizzante distribuendo il carico nella componente midollare dove il tessuto osseo è più adatto al rimodellamento trabecolare in senso contrario (orizzontale) rispetto al carico verticale.

Gli impianti a geometria Tapered (affusolata) si distinguono per un profilo curvilineo con porzione coronale e diametro apicale ridotti rispetto al corpo impianto. Minimizzando l’ingombro apicale si riducono le probabilità di fenestrazione nelle forme anatomiche ossee a clessidra e nel mono-impianto, tra denti contigui, si riduce la probabilità di contatto radicolare.

La praticità nell’applicazione chirurgica di un Tapered è evidente già nella preparazione del tunnel implantare perché le frese a diametro scalare sono più efficaci, rispetto alle cilindriche, e si riducono nel numero di passaggi.

L’impianto Tapered, in osso di qualità scarsa D3/D4, aumenta le probabilità di stabilizzazione primaria e impone un avanzamento lineare dell’impianto in direzione del preforo, senza il rischio di deviazioni assiali.

Gli impianti a geometria Tapered sono tra i più studiati ed applicati (Khayat PG, Milliez SN. J Oral Implantol  2007;34:225-231) e risultano i più utilizzati del mercato globale, circa il 65% contro un 35% di impianti cilindrici.

 

Resista
www.resista.it