User menu

Guardian e Daily Mail: “Il Prosecco rovina i denti”. Ministro Martina: “Basta fake news”

31 Agosto 2017

Guardian e Daily Mail: “Il Prosecco rovina i denti”. Ministro Martina: “Basta fake news”

Alcuni prestigiosi giornali britannici tra cui il “The Guardian” e il “Daily Mail” nei giorni scorsi hanno pubblicato degli articoli contro il Prosecco, uno dei vini bianchi italiani più diffusi, sostenendo che l’elevata acidità delle bollicine, oltre che lo zucchero e l’alcool potrebbero mettere a rischio la salute dei denti, aumentandone sensibilità e corrosione, adducendo come “prova” alcune tesi di dentisti britannici, tra cui il professor Damien Walmsley, consulente scientifico della British Dental Association.

Immediate le reazioni in Italia. Il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina risponde al “The Guardian” con un tweet: “Caro Guardian, dì la verità: il prosecco fa sorridere anche gli inglesi! Stop fake news grazie”. Anche Luca Zaia, il presidente della regione Veneto, ha bollato la notizia come fake news, osservando che “questo prodotto non ha bisogno di difendersi da simili panzane” e che “gli amici inglesi sanno benissimo che dove c'è Prosecco c'è un sorriso, tanto bene che lo celebrano, e lo consumano, ogni giorno di più”.  Anche Coldiretti non è rimasta indifferente alla notizia, denunciando “la bufala del quotidiano britannico sui rischi estetici alla dentatura da un consumo eccessivo delle prestigiose bollicine Made in Italy, insieme ad altri bizzarri motivi conditi dall'humor tipicamente inglese”.

Tutto questo polverone potrebbe essere interpretato come un tentativo maldestro da parte dei quotidiani britannici di screditare il Prosecco, uno dei vini più diffusi nel paese, come testimoniano i 40 milioni di litri bevuti ogni anno, con un aumento delle esportazioni nel Regno Unito del 12% nei primi mesi del 2017.

 

Fonti: http://avvinando.tgcom24.it/2017/08/30/guardian-daily-mail-prosecco-rovina-denti-martina-basta-fake-news/

http://tg24.sky.it/cronaca/2017/08/30/prosecco-polemica-giornali-inglesi.html