User menu

Giovanni Marinaccio: da operaio a imprenditore nel digitale odontoiatrico

7 Settembre 2017

Giovanni Marinaccio: da operaio a imprenditore nel digitale odontoiatrico

Una carriera in ascesa, quella di Giovanni Marinaccio, che da tornitore manuale in un’officina meccanica è arrivato a fondare la sua azienda di stampanti 3D, la Sintesi Sud.

Giovanni Marinaccio, trentottenne di Avellino, inizia a lavorare nel 2000 in un’officina meccanica, dove un giorno gli viene chiesto di imparare ad utilizzare una stampante 3D per sostituire un collega. Ed è proprio così, per puro caso, che Marinaccio, disegnatore CAD per formazione, si appassiona velocemente a questo nuovo mondo, arrivando, cinque anni dopo, a lasciare il suo posto di lavoro per cogliere al volo un’opportunità.

Giovanni torna ad Ariano, sua città natale, e si offre come venditore di stampanti 3D per la Sintesi S.r.l., un’azienda di Torino, aprendo una rete vendita al Sud. Poco dopo Marinaccio conosce un ingegnere, Angelo Salamini, gli parla del suo progetto e insieme individuano una nicchia di opportunità. Infatti, un’altra azienda leader di mercato, la Roland, vuole entrare nel settore dentale. I due, aiutandola, entrano definitivamente nel mondo del digitale odontoiatrico.

La svolta finale arriva nel 2008, quando la Sintesi S.r.l. vende a Giovanni il 55% delle quote. Da questo momento inizia la vera grande scalata al successo di Sintesi Sud. L’azienda si distingue subito per offrire un servizio completo nel digitale odontoiatrico, seguendo il cliente a 360 gradi, e facendo della personalizzazione completa dell’offerta il suo punto di forza.

Sintesi Sud oggi conta 10 dipendenti e numerosi venditori, facendosi notare anche da multinazionali che sono volate ad Ariano per conoscere l’azienda.

 

 

 

Foto di G. Cennamo

Fonte: https://www.millionaire.it/da-operaio-imprenditore-con-le-stampanti-3d/