User menu

Fatturazione Elettronica: cosa cambia per i dentisti?

8 Novembre 2019

Fatturazione Elettronica: cosa cambia per i dentisti?

Fatturazione elettronica: passare al digitale è un obbligo imminente

L’approvazione della Legge di Bilancio 2018 ha introdotto un’importante novità per gli studi medici, odontoiatrici e tutti i professionisti sanitari: passaggio alla fatturazione elettronica per tutte le operazioni effettuate con la pubblica amministrazione, con le aziende e con i privati.

L’obbligo di fatturazione elettronica per i pazienti sarà ufficialmente applicato a partire dal 1° Gennaio 2020. Tuttavia, gli studi medici e odontoiatrici dovranno dotarsi degli strumenti informatici necessari con sufficiente anticipo, in quanto l’effettiva applicazione della norma coincide con le scadenze di gran parte degli adempimenti fiscali come l’invio al Sistema TS per il 730 Precompilato.

Cos’è la fattura elettronica?

La fattura elettronica è una fattura creata secondo un processo digitale, dalla generazione alla conservazione. Il formato elettronico deve garantire che il contenuto della fattura resti integro e leggibile fino al termine del suo periodo di conservazione (10 anni). Perché una fattura possa essere considerata elettronica è importante che venga emessa in un formato elettronico, per essere ricevuta e accettata dal destinatario. La fattura deve essere autentica ed i suoi dati devono essere integri. Per assicurare che una fattura elettronica soddisfi questi requisiti, è necessario apporre una firma elettronica qualificata o digitale. La normativa prevede inoltre la conservazione dei file generati per la fatturazione elettronica con l’utilizzo di servizi predisposti e a norma.

Il processo di fatturazione elettronica non si limita però alla sola generazione del file, ma ogni qualvolta il Dentista emette una fattura elettronica è necessario:

  1. Controllare la correttezza formale del file XML generato utilizzando lo strumento di verifica presente sul portale www.fatturapa.gov.it
  2. Firmare digitalmente il file XML generato con riferimento temporale
  3. Inviare il file XML generato al Sistema di Interscambio (S.D.I.)
  4. Attendere le ricevute e le notifiche
  5. Prevedere la conservazione dei file XML inviati come da normativa

Esiste un servizio automatico per l’invio delle fatture?

ConfiDent in linea con i nuovi obblighi normativi, consente la generazione della fattura nel formato XML per l’adeguamento del ciclo di fatturazione al formato elettronico XML. 

Media Lab propone ai propri clienti il servizio di ConfiDent chiamato MiaFatturaElettronica che consente di trattare le fatture elettroniche come fatture “normali” poiché il Dentista non deve eseguire nessuna delle operazioni aggiuntive elencate in precedenza.

Il Controllo della correttezza formale del file generato, la firma digitale sul file con riferimento temporale, l’invio al Sistema di Interscambio (S.D.I.) e la conservazione obbligatoria dei file trasmessi vengono effettuati in modo automatico dal servizio MiaFatturaElettronica. Inoltre permette di ricevere direttamente sul portale web le fatture passive.

 

Chiedi informazioni agli esperti:

Media Lab S.p.A.

Piazza IV Novembre 4, 20124 Milano (MI)

Tel. 0187517775

Email info@mlsw.com

Web Site www.mlsw.com