User menu

Coronavirus: è boom per la telemedicina, ma la privacy è tutelata?

20 Maggio 2020

Coronavirus: è boom per la telemedicina, ma la privacy è tutelata?

Mentre la maggior parte dei settori economici soffre le conseguenze della pandemia di Covid-19, non è così per la telemedicina. Da marzo, questo tipo di servizi registrano una crescita esponenziale dell'attività e delle richieste, sia da parte dei pazienti che dei medici. Nel contesto pandemico e delle misure adottate per contenere l'epidemia, i medici hanno dovuto trovare il modo per assistere i propri pazienti attraverso diversi strumenti digitali come come Skype, Zoom o Whatsapp, fissando appuntamenti online e svolgendo video consulenze, ma i dati personali e sanitari del paziente sono tutelati?

 

Il rischio di incorrere a forti sanzioni per i professionisti sanitari è altissimo.  Secondo il regolamento generale per la protezione dei dati GPDR, i suddetti dati “sensibili” sono sottoposti ad una rigida tutela. Nel caso in cui il trattamento dei dati sia inesatto, scatterebbero maxi sanzioni per i medici, l’Autorità Garante potrebbe disporre sanzioni di diverse migliaia di euro fino ad un massimo di 20 milioni di euro o, se superiore, fino al 4% del fatturato complessivo. La segnalazione arriva dal network legale a tutela degli operatori sanitari Consulcesi&Partners che mette in guardia i professionisti sanitari, i quali potrebbe incorrere,  inoltre, a provvedimenti disciplinari da parte dell’Ordine e al rischio che il paziente possa presentare una richiesta di risarcimento danni.

 

Nel caso in cui il medico ricorra alla telematica per comunicare con i pazienti, è necessario applicare una nuova informativa per la tutela dei dati e aggiornare i documenti sulla gestione della privacy e del consenso informato, oltre a verificare che le piattaforme utilizzate siano a norma, che adottino un sistema di protezione antivirus e che i termini contrattuali siano conformi all’attuale normativa sul trattamento dei dati. Infine è consigliabile l’uso di applicazioni appositamente dedicate e certificate.